Vivi l’archeologia

Nella mattinata del 16 Novembre  una classe quinta della scuola Primaria Italo Calvino di Galliate ha partecipato al laboratorio “Scoprire l’Argilla” che rientra nelle attività “Vivi l’Archeologia” ideate e curate dall’Archeologa Gloria Carraro.

Chiediamo qualche informazione in più alla curatrice delle attività didattiche e ludiche Vivi l’Archeologia.

Cosa sono le attività Vivi l’Archeologia?

Le attività Vivi l’Archeologia sono laboratori pratici di tema archeologico rivolti ai bambini a partire dalla scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria. Sono laboratori pratici perché ricordando il detto di Confucio “Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco “.

Perché sono attività ludico didattiche?

Le attività ludiche sono rivolte ai bambini più piccoli a partire dai 4 anni e all’ambiente dell’extrascuola (come ad esempio le biblioteche o centri culturali). Il bambino che gioca apprende quindi elaborare un racconto con semplicissime nozioni storiche aiuta il bambino a percepire “il prima e il dopo” e  aiuterà un domani il bambino ad affrontare lo studio della storia perché rammenterà i racconti che avrà ascoltato da piccolo. Inoltre i laboratori pratici che propongo offrono l’esperienza per aiutare a raggiungere obbiettivi diversi che la scuola prevede, come ad esempio lavorare in gruppo, manipolare materiali nuovi, drammatizzare racconti e tanto altro ancora.

Le attività “Vivi l’Archeologia” didattiche prevedono sempre il laboratorio pratico ma con una più approfondita parte di teoria. I laboratori “Vivi l’Archeologia” possono aiutare anche le classi per il ripasso dello studio di una civiltà quindi possono essere proposte all’inizio dell’anno scolastico.

Le attività ludiche quindi possono essere utili alla scuola dell’Infanzia per aiutare a raggiungere gli obiettivi che la scuola prevede invece nelle biblioteche?

Alle biblioteche propongo progetti diversi. Ultimamente ho presentato “Nell’Olimpo con gli dèi” che rientrava nelle attività proposte da Nati per leggere. I laboratori erano rivolti ai più giovani di 4-6 anni, le attività erano incentrate sull’ascolto di un racconto mitologico elaborato da me per questa fascia d’età, seguiva poi l’attività pratica con l’elaborazione del mito con disegni e lavoretti creativi.

Anche il progetto “Due chiacchiere con Ullo, Drusilla  e un archeologo” è stato attivato in alcune biblioteche del territorio novarese. Il progetto può essere utile per ripassare la storia in maniera divertente oppure per gli utenti più piccoli per conoscere avventure nuove ambientate ad esempio nell’epoca Paleolitica o nell’epoca Romana.

Alle biblioteche presento anche progetti didattici coma ad esempio “Liber… Libro. Dalla nascita ai giorni nostri”. Tale proposta ripercorre la storia del libro dalla comparsa della scrittura agli odierni supporti digitali per terminare con un laboratorio pratico che vede impegnati i ragazzi nella riproduzione di una tavoletta con scrittura pittografica.

Per la manifestazione “Avventure di carta” il laboratorio “Scopro l’argilla”  cosa trattava?

Con la classe abbiamo fatto un ripasso dell’epoca Neolitica e abbiamo cercato di capire come l’uomo in passato possa essere arrivato a scoprire l’argilla e capire che se avvicinata al calore del fuoco si induriva e poteva essere utilizzata come contenitore di cibi. L’attività pratica ha visto gli studenti impegnati nella ricostruzione di un vasetto neolitico secondo la primitiva tecnica della pressione delle dita.

I racconti che legge ai bambini e ai ragazzi dove li trova?

I racconti sono avventure che ho scritto io e che servono ad introdurre i laboratori. Per i bambini piccoli sono storielle con nozioni storiche che acquisiscono attraverso l’ascolto del  racconto, per i più grandi sono spunto di riflessione.

Queste storie sono pubblicate?

No. Ma sto incominciando a raccogliere tutto il materiale di questi anni per un progetto futuro.

Come possono contattarla le persone interessate ad approfondire e a proporre nella propria scuola, biblioteca o centro culturale le attività didattiche e ludiche “Vivi l’Archeologia”?

E’ possibile consultare il sito internet www.vivilarcheologia.jimdo.com  per contattarmi invece inviare un’e-mail ai seguenti indirizzi: vivilarcheologia@teletu.it oppure gloria.carraro@teletu.it

Inoltre è possibile per le scuole del territorio novarese conoscere le attività “Vivi l’Archeologia”  con un laboratorio gratuito a scopo dimostrativo per classe, contattando via e-mail gli indirizzi sopraelencati oppure telefonando al n. 339-18.80.495

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: